Orologi a carica manuale

1. Caricare l'orologio

Carica l'orologio stringendo la corona tra il pollice e l'indice e ruotandola in senso orario fino a quando non avvertirai una maggiore resistenza. Ti consigliamo di compiere questa operazione regolarmente. Quando è completamente carico, il vostro orologio ha una riserva di carica di almeno 43 ore — o di un'ora in meno per i modelli con datario (il cambio di data richiede un po' di energia in più). I modelli Lux e Lambda hanno un'autonomia di 84 ore.

2. Orologi a carica manuale con indicatore di carica

Carica l'orologio stringendo la corona tra il pollice e l'indice e ruotandola in senso orario fino a quando non avvertirai una maggiore resistenza. Ti consigliamo di compiere questa operazione regolarmente. Quando è completamente carico, l'orologio ha una riserva di carica di almeno 43 ore, indicata sul quadrante. Quando l'indicatore rosso della riserva di carica è pieno, è necessario ricaricare l'orologio. Puoi farlo ruotando la corona.

3. Impostare la data

Puoi impostare la data ruotando la lancetta delle ore tra le otto e l'una. Ad esempio, per cambiare la data dal primo al 16 settembre, magari dopo aver conservato l'orologio al sicuro in un cassetto durante le vacanze, non è necessario ruotare le lancette attorno al quadrante per 30 volte. Per prima cosa, imposta l'ora sull'una del giorno successivo, per modificare la data. Quindi ruota le lancette in senso antiorario fino a circa le 8 e 30 di sera. Ora è puoi ruotarle in senso orario fino all'una, per cambiare nuovamente la data. Per le successive modifiche, verifica se stai impostando l'ora sulle dieci di sera o di mattina: in caso di errore, la data cambierà a mezzogiorno invece che a mezzanotte.

Orologi automatici

1. Caricare l'orologio

Questo tipo di orologi non ha bisogno di essere caricato, poiché si ricarica autonomamente con il movimento. In alternativa potete caricarlo stringendo la corona tra il pollice e indice e ruotandola in senso orario. A differenza degli orologi a carica manuale, i modelli automatici non hanno un punto di resistenza una volta completamente carichi, ma non c'è niente di cui preoccuparsi: nei calibri neomatik (DUW 3001 e DUW 6101), il rotore riduce la sua velocità di movimento quando la carica è completa. Se non indossato, l'orologio ha una riserva di carica di almeno 43 ore — o di un'ora in meno per i modelli con datario (il cambio di data richiede un po' di energia in più), quando è completamente carico.

2. Impostare la data

a) I calibri DUW 4101, DUW 4401, DUW 5101 e Zeta

Puoi impostare la data ruotando la lancetta delle ore tra le otto e l'una. Ad esempio, per cambiare la data dal primo al 16 settembre, magari dopo aver conservato l'orologio al sicuro in un cassetto durante le vacanze, non è necessario ruotare le lancette attorno al quadrante per 30 volte. Per prima cosa, imposta l'ora sull'una del giorno successivo, per modificare la data. Quindi ruota le lancette in senso antiorario fino a circa le 8 e 30 di sera. Ora è puoi ruotarle in senso orario fino all'una, per cambiare nuovamente la data. Per le successive modifiche, verifica se stai impostando l'ora sulle dieci di sera o di mattina: in caso di errore, la data cambierà a mezzogiorno invece che a mezzanotte.

b) Il calibro NOMOS neomatik DUW 6101

Gli orologi dotati di questo calibro neomatik sono ancora più rapidi da regolare. Potete impostare facilmente la data sia avanti che indietro dalla seconda posizione della corona, che trovate tirandola leggermente verso l'esterno. È sufficiente una mezza rotazione per spostare la data di un giorno. Il calibro DUW 6101 richiede inoltre un tempo molto ridotto per il cambio di data: dovete solo evitare di modificarla tra le 23:15 e le 00:45. Ma se vi capitasse di farlo per errore, non dovete preoccuparvi: ciò non danneggerà il meccanismo. Se la data dovesse bloccarsi, sarà sufficiente tirare la corona fino in fondo e spostare l'ora in avanti, poco dopo l'una del mattino, o indietro, sulle ventitré. In questo modo la data ritornerà alla posizione originale.

Per impostare l'ora, tirate ulteriormente la corona verso l'esterno, fino alla terza posizione.

3. Impostare la data e il fuso orario

Una complicazione davvero semplice: impostare un orologio NOMOS con la funzione orario internazionale è facile e richiede solo tre passaggi.

a. Tangomat GMT

1. Impostare l'orario di riferimento: premi il pulsante fino a quando vedrai il fuso orario desiderato nel riquadro sulla destra.

2. Sincronizzare gli orari: con l'aiuto del perno, premi verso il basso il piccolo pulsante correttore, fino a quando le lancette indicheranno la stessa ora del riquadro sulla destra.  

3. Impostare l'ora corrente: esattamente come prima, ruota la corona per impostare l'ora locale (tenendo a mente la differenza tra le dieci del mattino e di sera).

b. Zürich ore nel mondo

1. Impostare l'orario di riferimento: premi il pulsante fino a quando vedrai il fuso orario desiderato nel quadrante delle città in alto (in corrispondenza delle dodici).

2. Sincronizzare gli orari: con l'aiuto del perno, premi verso il basso il piccolo pulsante correttore, fino a quando le lancette indicheranno la stessa ora del riquadro sulla destra. 

3. Impostare l'ora corrente: esattamente come prima, ruota la corona per impostare l'ora locale (tenendo a mente la differenza tra le dieci del mattino e di sera).

Collezione NOMOS Gold

A carica manuale con doppio bariletto

Carica l'orologio stringendo la corona tra il pollice e l'indice e ruotandola in senso orario fino a quando non avvertirai una maggiore resistenza. Ti consigliamo di compiere questa operazione regolarmente. Quando è completamente carico, l'orologio ha una riserva di carica di almeno 84 ore, grazie al doppio bariletto. Inoltre dovrai ruotare la corona un minor numero di volte per caricarlo completamente.

Manutenzione del'orologio

1. Cassa

La cassa del tuo orologio è realizzata in acciaio inossidabile privo di nichel e in vetro zaffiro. L'unico materiale ad avere una durezza maggiore rispetto a questo tipo di vetro è il diamante. Per proteggere le componenti in acciaio, è leggermente sollevato.

Le casse degli orologi NOMOS in oro sono a 18 carati: dei segnatempo tanto magnifici quanto preziosi. Sia l'oro bianco che quello rosa sono molto più malleabili dell'acciaio: non riuscirai a evitare che si creino piccoli graffi, che però registreranno la vita dell'orologio, raccontandone la storia.

2. Impermeabilità

Gli orologi automatici NOMOS che presentano l'indicazione "20 ATM" sul fondello possono essere utilizzati durante le immersioni. L'indicazione "10 ATM" indica che l'orologio può essere indossato durante una nuotata o praticando snorkeling. "5 ATM" significa che è possibile indossare l'orologio sotto la doccia. Tutti gli altri orologi NOMOS (compresi quelli il cui fondello è privo di indicazioni specifiche relative all'impermeabilità) sono resistenti fino a 3 ATM ed è generalmente consigliabile tenerli asciutti. Potete tenerli al polso senza problemi quando vi lavate le mani, ma è meglio non indossarli per un tuffo in piscina. Ti consigliamo di verificare l'impermeabilità de tuo orologio una volta all'anno, presso un rivenditore. L'operazione richiede poco tempo.

Nota bene: Ahoi è dotato di una corona a vite. Dopo averla usata ricordati di riavvitarla, in modo da conservare l'impermeabilità dell'orologio. Per farlo, spingi delicatamente la corona verso il basso per riportarla nella posizione originale, dopodiché avvitala in senso orario. Non usare la corona di carica sott'acqua. 

3. Campi magnetici

Tutti gli orologi meccanici possono essere danneggiati dai campi magnetici, quindi è meglio evitarli il più possibile. Se riscontri una deviazione del ritmo, l'orologio potrebbe essersi magnetizzato. Qualsiasi orologiaio può risolvere rapidamente questo problema.

4. Assistenza

È consigliabile sottoporre gli orologi meccanici a una manutenzione completa all'incirca ogni cinque anni. Ciò include la pulizia e la sostituzione del lubrificante. Ti suggeriamo di rivolgerti al tuo rivenditore.

Come utilizzare la nuova chiusura deployant di NOMOS

Il tuo rivenditore può montare questa chiusura deployant NOMOS in pochi istanti. Puoi farlo anche personalmente, con un po' di destrezza e due giri di cacciavite (con punta da 1,6 mm).

Verificate di tanto in tanto che le viti della vostra chiusura deployant siano ben strette e regolatele se necessario. Per sicurezza, potete applicare una goccia di lacca sulla testa della vite prima di stringerla.

to the video tutorial