Fino al 2007, NOMOS Glashütte ha realizzato orologi meccanici rivolti agli appassionati di tutto il mondo. Con il tempo è divenuta celebre per la sua dedizione nella progettazione e realizzazione di segnatempo precisi, vincendo decine di riconoscimenti.


Ma l'azienda non era del tutto indipendente, una condizione quasi irraggiungibile nel campo dell'orologeria. Un'unica compagnia svizzera, di proprietà di una multinazionale, riforniva (e lo fa tutt'oggi) una parte sostanziale del settore con i suoi cosiddetti scappamenti — il cuore all'interno dei calibri di tutti gli orologi meccanici. Senza scappamento, un orologio semplicemente non ticchetta.

Al giorno d'oggi solo pochissimi specialisti sanno come costruirne uno — una sapienza gelosamente custodita o semplicemente persa nel tempo. Non esiste alcuna letteratura, nessuna formula matematica nota, nessuno strumento da acquistare. In passato gli orologiai di Glashütte possedevano le competenze necessarie. Tuttavia l'avvento della rivoluzione del quarzo negli anni '70 e '80 ha fatto svanire dalla città le abilità e le attrezzature necessarie.

Quei giorni sono ormai lontani e il pubblico apprezza nuovamente la maestria tecnica e la bellezza degli orologi meccanici — ma molti di coloro che sapevano come costruire un scappamento non possono più tramandare questo sapere. NOMOS Glashütte ha deciso di affrontare il problema alla radice: con l'aiuto dell'Università tecnica di Dresda, l'azienda si è dedicata al compito erculeo di sviluppare un proprio scappamento. E di diventare così del tutto indipendente.

Gli scappamenti sono componenti estremamente precisi. Nessun altra parte degli orologi meccanici impone un margine di errore così piccolo. Il bilanciere e la spirale devono lavorare l'uno contro l'altra impeccabilmente, i denti della ruota dell'ancora devono essere perfettamente concentrici — il più piccolo calcolo errato impedisce allo scappamento di funzionare. In breve: sono richiesti molti anni di studi intensi, complicati esperimenti e prototipi non funzionanti.

Ma l'idea di arrendersi non è mai stata presa in considerazione. Lo scappamento finale — lo Swing-System NOMOS — è stato presentato a Baselworld nel 2014, con il modello di orologio Metro. Da quel momento NOMOS Glashütte era ufficialmente in grado di realizzare ciò che pochissime altre compagnie del mondo potevano costruire: un proprio scappamento, prodotto in serie. "Riuscire a realizzarlo è stato un po' come arrivare sulla luna", ha dichiarato Uwe Ahrendt. FAZ, il popolare quotidiano tedesco, ha suggerito che "persino Apple sta tenendo d'occhio" la piccola azienda di orologeria di Glashütte.

Metro è stato solo il primo modello alimentato dallo Swing-System NOMOS. Da allora NOMOS ha iniziato a utilizzarlo per tutti i suoi calibri (anch'essi realizzati internamente). Presto tutti gli orologi NOMOS avranno questo piccolo motore al loro interno.